Aprile 17, 2021
Ex arbitro, Cesarin: “Il fuorigioco di mezzo centimetro non può far parte di un margine assimilabile al fischio”

Ex arbitro, Cesarin: “Il fuorigioco di mezzo centimetro non può far parte di un margine assimilabile al fischio”

Spread the love

In diretta a “Punto Nuovo Sport Show”, trasmissione con Umberto Chiariello sulle frequenze di Radio Punto Nuovo, è intervenuto Paolo Casarin, ex arbitro. Ecco quanto dichiarato:

VAR e fuorigioco? Il fuorigioco è sempre stato, in epoca moderna, una cosa indefinibile. È talmente difficile cogliere il lancio del pallone e la posizione del destinatario, che pretendere la perfezione era pura stupidaggine. Fino a che non c’è stata la televisione, chissà quanti gol sono stati convalidati. La TV poi ha mostrato, invece, che gli errori erano all’ordine del giorno”.

Poi, aggiunge: “La tecnologia ci induce a pensare che questa possa essere d’aiuto, ma il calcio non è una materia perfetta. Se delle persone, tra tecnici e arbitri, ci mettono tre minuti per stabilire un fuorigioco è perché stanno valutando la situazione, non prendendo il caffè. L’incertezza, adesso, si è ridotta quasi al minimo, ma la perfezione non esiste: quindi, il fuorigioco di mezzo centimetro non può far parte di un margine assimilabile al fischio o meno. Tutto questo viene contrabbandato come una cosa perfetta, ma non lo è. Il calcio, adesso, è diventato super-attento alla tecnologia. E io in primis, sono per l’utilizzo di questa. Ma conosco, però, anche i limiti della stessa e certi investimenti restano ingiustificati. Soluzioni? Non riprenderei quella della ‘luce’, come valeva prima”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

RSS
Follow by Email
Instagram