Aprile 22, 2021

“ON AIR!” – ROSSI: “Ronaldo alla Roma giocherebbe alla grande altri 5 anni”, CORSI: “Friedkin in guerra con i procuratori, ma così rischia di non arrivare nessuno”, DI GIOVAMBATTISTA: “Aspetto ancora la querela di Parnasi, se non arriva è un buffone”

Spread the love

“ON AIR!” – ROSSI: “Ronaldo alla Roma giocherebbe alla grande altri 5 anni”, CORSI: “Friedkin in guerra con i procuratori, ma così rischia di non arrivare nessuno”, DI GIOVAMBATTISTA: “Aspetto ancora la querela di Parnasi, se non arriva è un buffone”

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Roma Radio): “Il mio più grande fallimento è stato Coric, tra quello che avevo visto e quello che è successo, è stato un fallimento di valutazione. Però di giocatori qualcosa ci capisco… Se Ronaldo avesse voglia, potrebbe giocare almeno fino a 40 anni, ma questo Ronaldo non basta alla Juve, che è peggiorata negli ultimi anni, sia in campionato che in Europa. Ronaldo in qualsiasi altra squadra della serie A che non sia la Juventus, potrebbe giocare 4 o 5 anni, anche nella Roma stessa. Parliamo di un attaccante che ti fa venti gol a stagione quando va male…”

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “I problemi tra Monchi e Pallotta nel personale ci stanno. Ma se tu sei il presidente della Roma e hai sviluppato questa intolleranza nei confronti di Monchi, non puoi continuare a fargli fare quello che pensa nella Roma, perchè poi si arriva al 7-1 con la Fiorentina, all’eliminazione in Champions e a una squadra che non si qualifica nemmeno per la Champions successiva. Dovevi intervenire prima…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Ora Ronaldo è diventato un peso, non è che i giornali ti dicono che la Juve è costretta a rinunciare ai grandi calciatori. Giocatori come Chiesa e Kulusevski sono giocatori bravi, ma per una Juve normale. Pellegrini ieri ha detto che c’è un progetto ambizioso, ma mi è stato detto che c’è una guerra dei Friedkin contro i procuratori dei giocatori. Mkhitaryan non firma perchè c’è una guerra con Raiola, ma non è solo con lui. Non vogliono dare più le commissioni a nessun procuratore, che se vai a vedere non è nemmeno sbagliato…Il problema è che se tu non paghi più le commissioni, allora non compri più nessuno. Sarebbe una rivoluzione se lo facessero tutti, ma così rischi di non riuscire a prendere più nessuno. Io penso che alla fine si piegherà Friedkin, altrimenti non potrebbe avere una squadra di calcio…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Pallotta ormai risponde a tutti su Twitter. Ieri ha detto che Monchi è stato il suo più grande errore, ma lui è stato il nostro più grande supplizio… Come mai siete così tutti convinti che stasera giocherà il tridente di classe e non Borja Mayoral? Strano che tutti i giornali abbiano avuto la stessa intuizione, tutti quanti i quotidiani mettono la stessa formazione…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Roma-Shakhtar non ha favorite, è l’ottavi di finale più in bilico. Certo, non sarà difficile come col Siviglia, ma la partita è molto equilibrata e quindi ho timore per la partita di stasera… Se abbiamo una certezza, è che tutte le partite da dentro o fuori, sia col Siviglia che contro lo Spezia che i big match in campionato, la Roma le ha sempre sbagliate… E’ vero, quelle sono state tutte gare secche, speriamo che nel doppio confronto le cose saranno diverse… Borja Mayoral? Ieri erano state inviate delle domande a Fonseca, ma non sono state lette, da qui si è pensato che il mister non ne volesse parlare. Ecco perchè abbiamo puntato su Mkhitaryan come falso nueve…”

Dario Bersani (Rete Sport): “Il nome delle avversarie delle italiane in Europa League nobilita questi ottavi. Quella di stasera è un’opportunità, l’organico è quasi al completo, resta fuori solo Veretout se prescindiamo da Zaniolo. Ora sei quarto in campionato, e devi mantenere almeno quella posizione, e in Europa League devi andare più avanti possibile. Devi giocare al massimo tutte le partite, senza scegliere o calcolare niente. Nessuno può lamentarsi della posizione della Roma in campionato, ma in Europa hai fatto il tuo: non era ipotizzabile una Roma eliminata dal Braga. Adesso la squadra deve dirci la verità, vedremo se stasera faranno diventare semplice un avversario fastidioso. Poi molto dipenderà anche dalla fortuna che avrai nell’urna: un conto è trovarti Tottenham e poi Manchester United, e un altro pescare la vincente di Molde-Granada…”

Marco Juric (Rete Sport): “La sfida di stasera è prestigiosa, perchè l’avversario è comunque di livello. Però non è che gli ottavi di finale di Europa League siano un traguardo così importante. Già dai quarti è un altro discorso. Non ci sono scelte da fare tra coppa e campionato, questo è il momento di dare tutto, far giocare sempre i migliori per questo tour de force delle prossime settimane, perchè poi c’è la pausa dove potrai ricaricare le pile…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Mi dicono che Reynolds si sta acclimatando, negli allenamenti si sta mettendo molto in luce… Complimenti alla Roma, si sta impegnando molto sul sociale con Roma Cares. Se ogni società facesse queste cose, e non a chiacchiere, le cose migliorerebbero in maniera concreta. Mi piacerebbe che le due società romane nel sociale collaborassero tanto, ma c’è qualcuno che sta ostacolando questo tipo di situazione. Sono sempre in attesa della querela di Parnasi, ma io sto sapendo delle cose sul famoso stadio della Roma…per esempio, mi piacerebbe sapere chi ha preso e cosa c’ha fatto con i 90 milioni di euro pagati da Pallotta in questi anni. Vorrei sapere cosa significa aver creato quattro o cinque società vuote con consigli di amministrazione regolarmente retribuiti, senza che queste società abbiano mai fatto qualcosa… Quindi io chiedo di essere querelato, così poi andiamo a vedere. Ora se non mi quereli sei un buffone…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Lo Shakhtar è più forte del Braga, questo è sicuro. Non capisco bene cosa sta succedendo in attacco: se gioca Mkhitaryan da falso nove anche se è un calciatore in netto calo, allora vuol dire che Mayoral sta peggio di lui. Mi auguro a questo punto che Dzeko venga recuperato subito, ma non tra un mese. E’ un calciatore che ha fatto la differenza, e spero la faccia anche in futuro. Nelle ultime tre partite hai faticato tantissimo a fare gol. L’asticella ora si deve alzare, in partite come queste hai bisogno di altro…”

Nando Orsi (Radio Radio): “Lo Shakhtar è una squadra di livello, la Roma ha il 50% di possibilità di passare. La Roma deve decidere quale delle due cose è più importante tra coppa e campionato, dove può andare più in fondo. Queste saranno due partite toste, che potrebbero farti lasciare qualcosa in campionato. Non incontri una squadra normale…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Lo Shakhtar è un avversario sempre complicato. Io ricordo che lo Shakhtar ha preso 10 gol da una squadra non eccezionale come il Gladbach, ma ha battuto due volte il Real Madrid. Bisogna vedere quale delle due squadre incontri… Ma una squadra che vince due volte col Real e arriva davanti all’Inter nel girone di Champions va tenuta sotto osservazione. La Roma? Io continuo a dire che c’era qualcuno che considerava Mayoral più forte di Dzeko. Mayoral è un buon sostituto, nulla di più. E ora deve giocare Mkhitaryan, che non è nemmeno in forma…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Penso che la partita di stasera sarà molto difficile, lo Shakhtar ha una grande storia europea e questo conta. A livello internazionale si è sempre fatta rispettare…”

Redazione Giallorossi.net

Fonte
Author: Giallorossi.net

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram