Ottobre 27, 2021
De Luca: “Come un anno fa: è come se fossimo in guerra! Evitiamo psicosi ed angoscia per il vaccino AstraZeneca”

De Luca: “Come un anno fa: è come se fossimo in guerra! Evitiamo psicosi ed angoscia per il vaccino AstraZeneca”

Spread the love

Il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è intervenuto in diretta Facebook sul suo profilo ufficiale per fare il punto sulla situazione COVID-19 e vaccini. Di seguito, le sue parole, evidenziate dalla nostra redazione:

Quando si decide di chiudere l’Italia lo si fa per non impedire che ci siano posti letto disponibili per chiunque. Deve entrare nella nostra mente che dobbiamo tornare ad un anno fa: si sta in casa! Non è chiaro forse che è come se fossimo in guerra e ci sono ancora comportamenti come se fossimo in un regime di ordinaria amministrazione.

C’è una sola priorità per le vaccinazioni: personale socio sanitario, residenze sanitarie assistite, ultra 80enni e fasce deboli. In queste ore dobbiamo fare i conti con il vaccino AstraZeneca. Prima raccomandazione: evitiamo psicosi ed angoscia. Si è determinato un problema di cui bisogna parlare con chiarezza e presentando la realtà per quella che è. Ci sono state ricadute che vanno verificate. Sospesa in Campania la somministrazione di una partita di vaccino, attendiamo la valutazione dell’Iss ma evitiamo un clima di angoscia perché milioni di cittadini si sono vaccinati e non è successo niente!

Obiettivo: concludere vaccini entro 2021 in Campania

173 mila persone in Campania hanno ricevuto le due dosi, se andiamo con questi ritmi di forniture arriviamo a vaccinare in dieci mesi 700mila persone invece di oltre 4 milioni. Quindi il calvario continuerà nel 2022/2023; stiamo lavorando anche per fornirci di altri vaccini per tornare alla vita normale e concludere il calvario nel 2021, ci dicono che dovrebbero arrivare alcuni milioni di vaccini da aprile a giugno, come Johnson e Johnson“.

Please follow and like us:

Lascia un commento

RSS
Follow by Email
Instagram