Agosto 5, 2021

Allegri a Sky Calcio Club LIVE: «Sono legato alla Juve. Dispiace per la Champions»

Spread the love

Massimiliano Allegri parla a Sky Calcio Club: l’ex allenatore della Juve ospite di Fabio Caressa. Le sue parole

Questa sera, ai microfoni di Sky Calcio Club, parla Massimiliano Allegri. L’ex allenatore della Juve è ospite di Fabio Caressa. Juventusnews24 segue le sue parole LIVE.

FUTURO«Non so ancora niente. È un piacere essere qui con voi per fare una chiacchierata. È da un po’ che non lo faccio. Quando allenavo vedevo poche partite. Da un annetto non le guardavo, ora le sto rivedendo per capire se mi immedesimavo nell’allenatore. Sono andato a vedere un po’ di partite, l’ultima è Tottenham-Bayern».

CALCIO ITALIANO – «Il calcio italiano in questo momento ha bisogno di rimboccarsi le maniche. Ho sentito tanti commenti e credo che la situazione ci debba fare un po’ riflettere. Io facevo da contraltare ai giochisti, ci vuole equilibrio. Credo che non si debba buttare via tutto dagli allenatori vecchio stile. L’equilibrio serve. Bisognerebbe mettere al centro il giocatore e lavorarci. La tattica serve ma poi ci lamentiamo quando in Europa la passano a 100 all’ora e noi no. Dobbiamo farci delle domande, lavorare nei settori giovanili con la tecnica individuale».

GIOCATORI«Sono stato innamorato perso dei miei giocatori. Mi sono emozionato quando Pepe ha fatto una partita straordinaria contro la Juve, come Chiellini contro il Cagliari che ha fatto due interventi di lettura… Io mi emoziono».

PORTO E BORUSSIA «Non so se hanno giocatori più bravi di Juve e Inter. Penso che bisogni ritornare alle cose semplici, all’ABC. Saper passare la palla… Anche la costruzione da dietro, bisogna capire quando la si può fare. I giocatori di Porto e Borussia non sono più bravi. La Juventus è stata molto sfortunata e mi è dispiaciuto molto. Avrebbe anche meritato di passare nelle due partite. Quando vedi giocatori bravi tecnicamente è un piacere vederli, bisogna curare quell’aspetto».

JUVE – «Ci siamo divisi in modo naturale. Oggi mi è dispiaciuto che la Juve abbia perso ma bisogna dire che il Benevento ha fatto cose importanti».

ADDIO ALLA JUVE«Credo che sia stata una diversità di vedute. Nel calcio devi vincere, non bisogna far tanto. Non mi disse che avrebbe scelto Sarri. Eravamo d’accordo quasi su tutto ma alla fine non ci siamo resi neanche conto che ci siamo divisi. La scelta è stata del presidente. Siamo rimasti in ottimi rapporti, sono stati cinque anni meravigliosi e irripetibili. C’era alchimia, ci siamo divertiti, sono state fatte scelte di mercato importanti… Dopo cinque anni non è facile trasmettere le stesse cose, ed è per questo che hanno deciso di cambiarmi. Quel finale di stagione era la logica fine di un rapporto tra me e la Juventus. Annate meravigliose, con l’Ajax non è andata bene, però sono molto legato alla Juventus».

RITORNO ALLA JUVE«Difficile anche dirlo. Ora Andrea Pirlo sta facendo un buon lavoro».

RONALDO«Più alzi il livello dei giocatori, più è difficile il loro apprendimento a livello calcistico. Ho avuto Ronaldo, Ibrahimovic, Ronaldinho, Nesta, Pirlo, Buffon… Giocatori straordinari, quando ci penso mi ritengo un uomo straordinario. Anche Pogba, Tevez, Chiellini… Con loro è più facile la gestione, ti capiscono. La cosa importante è il rispetto, se te lo danno tu lo dai a loro. È vero che di fronte hai delle aziende».

SQUADRE RIFIUTATE«Quando il presidente del Real Madrid mi chiamò avevo già dato la parola ad Agnelli tre anni fa e dissi di no. Ho avuto altre richieste. Spero di tornare ad allenare a giugno. Mi manca godere delle gesta dei miei calciatori».

DANI ALVES «Eravamo a Napoli a giocare la semifinale di Coppa Italia. Gli dico: “Dani mettiamoci a 5”. Lui mi fa “Vado a uomo su Insigne”. Aveva ragione. Io ho imparato molto dai grandi giocatori. Da quel giorno, giochiamo col Barcellona e va a uomo su Neymar. I grandi calciatori vogliono andare uomo contro uomo».

FINALE REAL MADRID«Noi la finale col Real Madrid l’abbiamo persa perché abbiamo difeso peggio del Real Madrid. Quando due squadre sono equilibrate, vince chi ha la difesa migliore».

JUVE IN FINALE DI CHAMPIONS«Non so cosa manchi per arrivare in finale di Champions League. Io posso dire che hanno lavorato bene, stanno lottando per i primi quattro posti, sono in finale di Coppa Italia, hanno vinto la Supercoppa. Non scordiamoci che il Covid ha sconvolto tutti gli equilibri».

STAGIONE DELLA JUVE «Chiesa sta facendo ottime cose. Morata è partito bene. Il centrocampo è stato cambiato in blocco. Secondo me di qualità ne hanno, ovvio che col cambio generazionale cambiano anche le caratteristiche dei giocatori. Devi ricostruire l’anima di una squadra. I giocatori non sono come le macchine. Se ne cambi uno devi trovare un altro con caratteristiche che lo completino… Tutte le squadre passano da momenti belli a momenti meno. Io credo che la Juventus abbia la possibilità di vincere la Coppa Italia, entrando in Europa può avere comunque una stagione positiva. Devi capire tutte le dinamiche degli infortuni e devi valutare alcune cose. Se nel campionato italiano i migliori sono ancora quelli con più esperienza, ovvero Ibrahimovic, Ronaldo e quando gioca Chiellini, bisogna fare ragionamenti e riflessioni».

The post Allegri a Sky Calcio Club LIVE: «Sono legato alla Juve. Dispiace per la Champions» appeared first on Juventus News 24.

Please follow and like us:

Lascia un commento

RSS
Follow by Email
Instagram