Maggio 17, 2021

“ON AIR!” – MAGNI: “Pinto già bruciato dall’affare Allegri”, CORSI: “Si delinea una piccola Roma”, BERSANI: “Farei carte false per Kessie”, FOCOLARI: “Ormai è impossibile riprendere Atalanta e Napoli”

Spread the love

“ON AIR!” – MAGNI: “Pinto già bruciato dall’affare Allegri”, CORSI: “Si delinea una piccola Roma”, BERSANI: “Farei carte false per Kessie”, FOCOLARI: “Ormai è impossibile riprendere Atalanta e Napoli”

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Roma Radio): “Ora sono diventati tutti deficienti buoni a nulla dentro a Trigoria. Qua c’è il paradigma del “falli correre!“, ma guardate che se sei una pippa, sempre pippa resti pure se fai il ritiro punitivo o se fai i gradoni. I vari Dal Moro, Lucenti e Servidei con i gradoni sono diventati Beckenbauer? Questo per dire che sti luoghi comuni hanno stancato. Quando Fonseca vince, ecco che tutti vanno a caccia dei suoi segreti. Poi perde due partite e diventa una pippa che si deve levare dalle palle visto che non fa allenare i giocatori e gli ha dato tre giorni di riposo. E comunque gli infortunati si stanno allenando. E poi tra l’altro la gran parte della rosa sta in nazionale. Prima di scrivere ste stron*ate, magari informatevi…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Areola alla Roma? Spero sia una stupidaggine, prende pure un sacco di soldi. Una pippa non è, ma è una mezza pippa. Fa una marea di papere… Diciamo la verità, io credo che sia un’altra volta una piccola Roma quella che si va a delineare, una squadra tra quarto e sesto posto. E ora che non c’è più il Fair Play Finanziario e le maglie si sono allargate, Friedkin non può mettere finalmente 300 milioni di euro per fare una grande Roma senza dire niente a nessuno?…”

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Rinnovo di Veretout a 4 milioni l’anno? Sono tanti, ma un giocatore come lui sul mercato non lo troveresti a cifre contenute, e tu in rosa uno come lui non ce l’hai. E se perdi Veretout, poi devi prendere Barella o Kessie: ma quanto ti costerebbe prendere giocatori del genere? E quanto ti chiedono di contratto? Ecco perchè ti conviene tenerlo a quelle cifre…Veretout è un signor giocatore, in Italia giocherebbe titolare, non gioca con la Francia perchè lì hanno Pogba…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Il cambio di allenatore lo diamo tra l’80 e il 90%, sembra molto scontato. Spero che questa transizione da una Roma all’altra sia il più morbida possibile, perchè vedo dei segnali non proprio incoraggianti. Se si vede l’atteggiamento del Corriere dello Sport che dà addosso a Tiago Pinto, e che se non arriverà Allegri sarà colpa sua. Già Pinto lo vedo bruciato… La Gazzetta, partner commerciale della Roma, si dimentica della Roma in Europa League e pensa solo al Milan. Insomma, sono un po’ preoccupato. Vedo qualche difficoltà di troppo in questo primo anno, e spero che i Friedkin riescano ad aggiustare il tiro dal punto di vista della comunicazione. Hanno preso una linea molto taciturna, speriamo che questa scelta paghi…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Non si saprà il nome del prossimo centravanti fino a quando non saprai chi sarà il tuo prossimo allenatore… Fonseca ha dato tre giorni di riposo: la Roma su sette giorni lavorativi, ne lavora quattro… Gli hanno dato il premio produttività… Le polemiche di questi giorni? Per mettere tutto a tacere basta prendere i giocatori e un grande allenatore, per me Allegri è in cima a tutte le preferenze. Se fosse come ha raccontato Zazzaroini, ci sarebbe da farsi qualche domanda. Quella che poteva essere una grande opportunità rischia di diventare un boomerang come lo era stato con Conte un paio di anni fa…”

Dario Bersani (Rete Sport): “Locatelli per il centrocampo della Roma? Dipende che tipo di gioco vuoi fare. Con Allegri, il Jorginho può essere Villar, ma allora ti servirebbe un altro tipo di giocatore accanto a lui, ti servirebbe un Allan. Veretout è assolutamente una sicurezza, non ha piedi eccezionali, ma è molto bravo negli inserimenti, ha il tiro da fuori, e sa fare le due fasi benissimo. Ma non può essere la stella del centrocampo. Perchè le partite si vincono e si perdono sempre lì. Pensa alle due che hai perso, contro Parma e Napoli la Roma a centrocampo è stato inesistente. Kessie non sta rinnovando? Magari fosse. E’ il Seedorf dei poveri. Farei carte false per lui, mi piace da morire…”

Marco Juric (Rete Sport): “Io sul portiere andrei in Argentina più che in Italia. A centrocampo forse prenderei Locatelli. Aguero per l’attacco? Poi non lamentiamoci se diventiamo il cimitero degli elefanti e che le squadre italiane non tirano fuori mai i giovani. Se prendi un calciatore del genere, lo paghi tanto, e diventerebbe fondamentale per la squadra e non potresti farne a meno. E se poi non dovesse girare, la tua squadra crolla. E quindi andrei su altro. Se davvero vuoi provare la svolta in un momento economico di difficoltà, ripartirei da un altro profilo. E non da Aguero, assolutamente…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “La Roma? Sullo stadio ho escluso qualsiasi zona di quelle scritte sui giornali. Lo farà all’interno su un terreno pubblico, senza speculazione economica o edilizia. E’ una rivoluzione da questo punto di vista. La Roma sarebbe interessata anche a rivoluzionarie l’Olimpico, gestendo con la Lazio lo stadio, rimettendolo a posto… Per quanto riguarda il campo, Fonseca vuole provare a vincere l’Europa League. La Roma a pieno organico se la gioca. Con l’Ajax hai il 50% di possibilità di passare. E poi anche con il Manchester te la giochi. Il Milan meritava di battere lo United, quindi…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Processo alla Lazio? Se ha sbagliato, è giusto che paghi. Ma mi sembra si sia già arrivati all’ergastolo se è vera la cosa dei 12 punti di penalizzazione. Se io rubo una mela, non mi puoi dare l’ergastolo. A me sembra che la Lazio non abbia fatto niente, non ci sono stati contagiati… La Roma? Deve battere tre big in 5 partite di Europa League, e non mi sembra un compito facile visto la difficoltà che ha contro le grandi squadre. Ma secondo me è più facile vincere l’Europa League: ma come pensi di riprendere Napoli e Atalanta, che sono due corazzate e che stanno sei punti davanti a te!…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Processo alla Lazio? Non vedo complotti, il pm farà il suo lavoro e speriamo si arrivi nel più breve tempo possibile a una decisione giusta e corretta. Se Fonseca vincesse l’Europa League farebbe un grandissimo colpo…Questo è il momento giusto per tentare di ringiovanire una rosa che ne ha assolutamente bisogno, non puoi tenere in rosa calciatori che non giocano mai e costano un sacco di soldi. Poi bisogna vedere se Tiago Pinto sarà in grado di trovare delle soluzioni…”

Redazione Giallorossi.net

Fonte
Author: Giallorossi.net

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram