Giugno 23, 2021

FONSECA: “Partita fondamentale, lotteremo per i tifosi e per la città. Ora l’Europa League è troppo importante per noi”

Spread the love

FONSECA: “Partita fondamentale, lotteremo per i tifosi e per la città. Ora l’Europa League è troppo importante per noi”

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Queste le parole di Paulo Fonseca in conferenza stampa alla vigilia di Manchester United-Roma di domani sera:

L’importanza del match?
“La partita è importantissima. Non capita tutti i giorni di giocare una semifinale, oggi i nostri i tifosi ci hanno fatto sentire il loro sostegno e vogliamo lottare per loro, per la città e per il club”.

Ha parlato con gli ex Smalling e Mkhitaryan dello United?
“Incontriamo una grandissima squadra, la favorita nella competizione. L’abbiamo preparata bene, ho parlato con Chris e Mkhitaryan che hanno giocato qui e hanno più esperienza, ma tutti sappiamo che sarà difficile. Rispettiamo il Manchester, ma abbiamo le nostre ambizioni”.

La difesa con l’assenza di Mancini?
“Sappiamo che lo United ha un attacco forte, ma abbiamo preparato bene la partita. Avere Smalling è importante, ci manca Mancini, ma chi lo sostituirà mi dà fiducia. Possiamo fare una buona gara, la questione difensiva non riguarda solo i difensori, ma tutta la squadra”.

Quanto conta la carica dei tifosi?
“Penso che è molto importante sentire il sostegno dei tifosi, è una motivazione in più. Tutti capiamo l’importanza di questa partita, siamo tutti motivati ma i tifosi ci caricano di più”.

………

AS ROMA NEWS – Paulo Fonseca parla alla vigilia di Manchester United-Roma, gara di andata delle semifinali di Europa League. Queste le dichiarazioni a ESPN dell’allenatore giallorosso:

“Se è la partita più importante della mia carriera? Certo che sì. E non vediamo l’ora, è una grande opportunità non solo per il club ma anche per la città e per i giocatori. Non tutti hanno la possibilità di affrontare il Manchester United in una semifinale europea. Quest’anno è stato difficile gestire tutte queste situazioni, specialmente alcuni infortuni che sono arrivati in momenti cruciali della stagione, come quello di Mkhitaryan.

E poi abbiamo sempre giocato ogni tre giorni. C’è da aggiungere il fatto che la Serie A è un campionato difficile e molto competitivo, siamo stati in lotta per il quarto posto con altre sette squadre. Eravamo tra le prime quattro fino allo scorso marzo, poi siamo calati. Quindi l’Europa League è troppo importante per noi“.

Il Man United è una squadra con attaccanti veloci e di talento, e forse è andato in difficoltà contro avversari che cercavano la profondità, cercavano di difendere e colpire in contropiede. Ma lei non gioca così, vero?
“No, non mi piace giocare in profondità e aspettare di contrattaccare. A volte può capitare in certi momenti, come contro l’Ajax nel ritorno dei quarti di finale, ma non è il mio stile di gioco. Ma hai ragione, hanno così tanti attaccanti forti come Edinson Cavani, Marcus Rashford, Mason Greenwood… Daniel James, che è molto veloce. Sono giocatori incredibili che possono decidere il risultato di una partita in una situazione, in un secondo. Quindi dobbiamo essere preparati, ma, devo confessare, non possiamo andare lì solo per difenderci. Dobbiamo avere la palla, dobbiamo avere l’iniziativa, dobbiamo avere il coraggio di uscire e giocare contro il Manchester United. La chiave è non lasciare che ci attacchino velocemente e difenderci lontano dalla nostra area”.

Le piace mantenere la linea più alta, tenere la palla e difendere alto, ma in alcune partite è costato caro e ha spesso dato la colpa agli errori individuali…
“Penso che quando abbiamo avuto problemi molte volte non è stato perché le altre squadre hanno creato situazioni. Ma è stato perché abbiamo sbagliato, perdendo palloni nella prima fase di gioco. E penso che per gli errori abbiamo pagato più a caro prezzo del normale, e questo è stato il nostro problema più grande. Perché sì, questo tipo di gioco può essere rischioso, ma a lungo andare credo che abbia successo”.

Bruno Fernandes è uno dei giocatori chiave dello United. Sei rimasto sorpreso dal fatto che abbia ricevuto molte attenzioni solo quando si è trasferito allo Sporting? Normalmente talenti come il suo vengono individuati a inizio carriera.
“Bruno è fantastico, per quello che ha fatto allo Sporting e per quello che sta facendo allo United. È arrivato leggermente in ritardo, ma ha imparato tanto prima dello Sporting, sviluppandosi in Italia. Trovo notevole è la sua personalità. Ha molte qualità, ma è anche un leader, un combattente ed è anche molto intelligente. Non sono sorpreso che dal momento in cui è arrivato allo United sia diventato un giocatore chiave della squadra”.

Tuttavia, mi sembra strano che, con tutti i soldi e le risorse che le squadre investono per lo scouting, un ragazzo come Bruno non sia stato ingaggiato da una grande squadra fino ai suoi 23 anni. Forse aveva bisogno di squadre più piccole per svilupparsi correttamente, perché non avrebbe trovato spazio in una grande.
“Devo confessarlo, non è facile dare opportunità ai giovani quando sei in una grande squadra con grandi aspettative. C’è molta pressione; serve un giovane giocatore con il giusto carattere e la giusta personalità. Noi abbiamo Zaniolo,  per esempio, che è molto coraggioso e determinato. Ecco perché non vedi molti giocatori giovani che giocano regolarmente nelle grandi squadre. Ma dipende dal carattere del calciatore. Quando vedo un ragazzo con carattere e personalità che si adattano al suo talento, la sua età non mi importa”.

Nelle ultime partite dello United, abbiamo spesso visto Paul Pogba giocare largo a sinistra in un 4-2-3-1, piuttosto che come un centrocampista centrale. È l’eterno dibattito tra individui e sistemi. Qual è il tuo punto di vista?
“Entrambi sono importanti, certo, ma il sistema deve sempre rispettare le qualità e le caratteristiche dei giocatori. Se Pogba è in quel ruolo, giocherà in modo diverso rispetto a un esterno tradizionale. La dinamica cambierà, per la sua squadra e per l’avversario. Se lo fai bene, allora è positivo. Penso che in questo momento il gioco stia diventando sempre più strategico, gli allenatori stanno apportando sottili cambiamenti partita dopo partita per cercare di ottenere un vantaggio. Ed è la cosa giusta da fare. Dovresti affrontare ogni artita in modo leggermente diverso; dovresti cercare di creare dubbi nella mente dell’altro manager”.

Dica una cosa che l’ha sorpresa tatticamente in Serie A, o nel calcio in generale.
“Beh, ogni partita in Serie A è una grande sfida tatticamente, perché i manager cercano sempre di ottenere un vantaggio. Una cosa che abbiamo visto sono squadre come Atalanta, Verona e Bologna, che giocano a uomo a uomo su tutto il campo. E non è solo in Italia. Marcelo Bielsa e Leeds United lo hanno fatto domenica contro il Manchester United, marcando uomo a uomo e facendolo più profondo del solito. È stato molto difficile per lo United in quella partita, ed è difficile per noi quando le squadre lo fanno con noi in Italia”.

Pensa che questa possa essere una tendenza? Perché dagli anni ’90 tutti nel calcio hanno avuto la tendenza di difendere a zona.
“Il calcio si evolve nel tempo, certo, ma è anche ciclico, e mi chiedo se stiamo tornando un po’ al passato. Vedi molte squadre che passano alla marcatura uomo a uomo, sia per l’intera partita che in determinate situazioni. Ed è diverso, perché quando giocavo e mi sviluppavo come allenatore, era tutta una questione di zona di pressione e di difesa collettiva. Non sono un fan dell’uomo a uomo; non è il mio marchio di calcio, ma ottiene risultati. E devi sapere come giocarci contro, altrimenti contro certe squadre non sarai in grado di giocare la tua partita”.

Ultima domanda sull’argomento di cui tutti parlano da 10 giorni: la SuperLega.
“Quando ho visto la notizia, all’inizio ero molto preoccupato, ma ora sono molto orgoglioso, orgoglioso di far parte del calcio. Penso che abbiamo dato un grande esempio al mondo, alla società. La cosa più importante sono i sostenitori. Capisco che i club più grandi vogliono più soldi, ma sono anche quelli che spendono di più. Sono loro che pagano 100 milioni di euro per i giocatori. E questo crea un problema per i club più piccoli. È egoismo da parte loro. Quindi ringrazio i tifosi, i giocatori, gli allenatori, tutti coloro che si sono opposti. Se si fosse realizzata SuperLega, avrebbe potuto uccidere il vero calcio. E penso a quello che è successo in Inghilterra, vedere i tifosi per strada, far sentire la loro voce, ed è stato fantastico. Sono così orgoglioso di loro e devo dire grazie”.

Fonte: ESPN

Fonte
Author: Giallorossi.net

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram