Giugno 18, 2021

Mkhitaryan: “Grazie alla pasta mi sono innamorato di Roma dal primo giorno. Fonseca simile a Tuchel, permette ai giocatori di divertirsi in campo”

Spread the love

Mkhitaryan: “Grazie alla pasta mi sono innamorato di Roma dal primo giorno. Fonseca simile a Tuchel, permette ai giocatori di divertirsi in campo”

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – L’attaccante giallorosso Henrikh Mkhtaryan ha rilasciato un’intervista al sito web inglese The Athletic in cui ripercorre la sua carriera e parla della sua esperienza con la maglia della Roma. Ecco le sue parole.

“Il primo giorno in cui sono venuto qui, prima di firmare il contratto, mi hanno fatto mangiare della pasta e grazie alla pasta mi sono innamorato. Sto lavorando bene. Mi trovo molto bene con questo sistema. Stiamo giocando un calcio molto offensivo con molto spazio davanti. Era lo stesso di Shakhtar Donetsk e Borussia Dortmund”.

Sul passato al Manchester United.
“Non mi pento mai delle mie decisioni. Ho incontrato Jurgen Klopp che aveva una filosofia diversa da Mircea Lucescu. Klopp era più amichevole con i giocatori. Era più simile a uno psicologo e cercava di darti fiducia anche se giocavi male o facevi degli errori. A quel tempo ero triste. Stavo giocando male e mi stavo chiudendo, non stavo parlando con nessuno. Mi sentivo in colpa per aver perso una partita o che avevamo giocato male a causa del mio errore. Mi stavo mettendo sotto pressione ma Klopp mi ha fatto capire che il calcio è composto da 11 giocatori, è la squadra che vince o perde. Non si tratta di un giocatore. Puoi commettere errori, nessuno è al sicuro dagli errori. Fa parte della vita, quindi mi ha aiutato a togliermi di dosso molto la pressione ea pensare sempre positivo. Quello che voglio dire è che ho avuto un periodo difficile, ma dopo i primi due o tre mesi lì, mi sono divertito molto”, dice. “Ho vinto tre trofei con il club, il che è stato fantastico. Sai, alcuni giocatori giocano a Manchester da anni ma non hanno vinto nulla”.

Ha ancora un buon rapporto con diversi giocatori.
“Paul Pogba, David de Gea, Juan Mata, Marcus Rashford, Eric Bailly. Ci inviamo messaggi a vicenda, non direi ogni giorno o ogni mese, ma lo facciamo quando c’è un’opportunità. C’è sempre un motivo per congratularsi a vicenda”.

Lo Shakhtar agli ottavi.
“Ero molto felice perché almeno ho avuto modo di vedere i miei vecchi compagni di squadra e le persone che lavoravano nel club”.

Su Paulo Fonseca.
“È simile a Tuchel, sta cercando di mettere i giocatori nella giusta posizione dando loro la libertà di divertirsi con il loro stile di gioco. Ho avuto i migliori allenatori della mia carriera e ho imparato molto non solo sul gioco del calcio, ma anche sulla vita. Anche ora che ho 32 anni voglio imparare, perché voglio sapere molte cose sul calcio e sulla vita”.

Sullo stile di gioco della Roma.
“Giochiamo in modo diverso in base a chi affrontiamo, soprattutto quando abbiamo la palla. A volte dobbiamo stare stretti, altre volte dobbiamo restare larghi. Dipende dal gioco e dalla situazione. Non si tratta della posizione in cui inizi la partita, ma dello spazio. Cerchiamo di utilizzare lo spazio per creare opportunità per noi e per i nostri compagni di squadra. La cosa più importante è l’intesa tra i giocatori, perché se hai l’intesa puoi fare diverse cose. Se non ce l’hai, sarà un po’ difficile. Non ti dirò esattamente come giochiamo ogni volta (ride, ndr)”.

Sulle difficoltà in campionato.
“Siamo l’unico club italiano rimasto in Europa. Gli infortuni hanno reso la nostra routine settimanale più complicata perché giochiamo tre partite a settimana e i nostri avversari giocano solo una volta. Ma non ci lamentiamo. Sappiamo che mancano solo tre partite (in Europa League), quindi dobbiamo lottare e tirare fuori il meglio di noi stessi. Se vinciamo il trofeo possiamo qualificarci automaticamente per la Champions League”.

Sul legame con l’Armenia.
“Ho sempre sognato di giocare in Europa, ho sempre voluto realizzare questo sogno. Ringrazio Dio di poterlo fare e di avere ancora l’opportunità di giocare in Europa. Ho giocato in Germania, in Premier League e ora in Italia. Dimostro ai miei compagni armeni che niente è impossibile. Vorrei vedere altri armeni giocare in Bundesliga, in Premier League, nel campionato italiano. Mi renderebbe orgoglioso se anche alcuni dei miei amici e connazionali riescano a raggiungere questo livello. Non voglio essere l’unico a giocare nei migliori club o nei migliori campionati del mondo”.

Fonte
Author: Giallorossi.net

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram